Le MIe Borse

Facebook L'Isola degli Dei

Facebook Vikina

Canale Youtube

Link utili

Gruppo SEI

 

Mansarda Chiara

 

ELITE

Periodici, riviste e perfino carta igienica unito a tanta fantasia possono dare a vita a creazione veramente a costo zero.
Ecco un primo spunto :

SCATOLA PORTAOGGETTI

scatolascatolascatolascatola
OCCORRENTE :
1.una scatola delle scarpe
2.scampolo di stoffa  per rivestire l’interno ( ma anche no)
3.riviste
4.colla
PROCEDIMENTO
Tagliate delle striscioline di carta e dopo averle piegate in 3 parti chiudetele su se stesse con un po’ di colla vinilica. Arrotolatele creando dei rotolini di grandezze diverse affrancandoli con colla vinilica. Dipingete la scatola del colore prescelto.
Incollate sul coperchio i vostri rotolini con la colla a caldo, mettetene qualcuno in bilico sul bordo e qualcun altro sui lati della scatola in modo da dare l’impressione che stiano cadendo.
Foderate la scatola incollando all’interno la stoffa prescelta.

VASSOIO CARTA DI GIORNALE

vassoiovassoio

OCCORRENTE :
1.periodici
2.colla
3.cordoncino oppure passamaneria per il bordo finale
4. bastoncini di legno recuperati dalla spiaggia ( facoltativo)
PROCEDIMENTO
Tagliare il foglio di giornale in 4 parti uguali
Appoggiare l’angolo del foglio a 30° su una bacchetta almeno lunga quasi tutto il foglio e arrotolarlo
Bloccarlo con la colla.
Componetene diversi e appiattendoli un po’ cominciate ad arrotolarli fino a comporre un grosso rotolo della grandezza che vorrete il vostro vassoio.
Se volete renderlo più solido, spennellatelo con colla vinilica.
Alla fine del lavoro potrete anche dipingerlo con colori acrilici oppure lasciarlo così o finirlo con un bordo. Io l’ho finito incollando una catenella ad uncinetto di corda.
Sotto gli ho incollato dei rami presi sulla spiaggia.

PIATTO DI CARTA

vassoio
vassoio


OCCORRENTE:
1.carta igienica o fazzolettini di carta
2.periodici per la decorazione
3.colla
4.contenitore per la forma
5.pellicola trasparente
PROCEDIMENTO
Foderate con della pellicola trasparente il contenitore con la forma prescelta.
Passate una mano di colla vinilica leggermente diluita con acqua.
Incollate almeno 2 strati di carta facendoli aderire bene alle pareti del recipiente e facendola fuoriuscire dal bordo di un paio di cm  
Lasciate asciugare e una volta indurito con le mani strappare il bordo in eccesso.
Per le decorazioni interne ho creato dei rotolini di carta di periodici.
Volendo si puo’ dipingere con colori acrilici.

DECORAZIONI NATALIZIE O BIGLIETTI DI AUGURI
decorazione decorazionedecorazione

OCCORRENTE :
1.carta igienica o fazzoletti di carta
2.colla
3.nastrini,cordicini, pennarelli
4.pellicola trasparente
PROCEDIMENTO
Stendete su un piano della pellicola trasparente e passate una mano di colla vinilica leggermente diluita con acqua.
Incollate 3 strati di carta uno sopra l’altro.
Una volta asciugato,  il foglio sarà indurito e potrete con delle sagome ( per esempio le formine per i dolci) oppure a mano libera, ritagliare le vostre  decorazioni.
Le potete abbellire aggiungendo fiocchetti, decorazioni con pennarelli colorati ecc…
come vi guida la fantasia e quello che avete a disposizione.

Oppure sempre con la carta igienica o i fazzolettini potete strappare delle striscioline e, con le mani leggermente inumidite,  arrotolarle su se stesse. Quando ne avete fate abbastanza, tutte di lunghezza piu’ o meno uguale, le legate al centro con un nastrino o un cordicino e le applicate al vostro pacco regalo. Come in queste due foto.
decorazionidecorazioni
barattolo

Anche un semplice barattolo di vetro della passata di pomodoro può essere trasformato in un soprammobile.

Io ho usato della pittura acrilica bianca mischiata a fondi di caffè per renderla granulosa e un po’ invecchiata, carta pa pacco, cordoncino, passamaneria e un addobbo di legno.

 

 

 

GAROFANO CON FAZZOLETTINO DI CARTA

Ho riciclato un vecchio cesto che avevo in cantina.
L’ho spolverato, ridipinto, applicato delle decorazioni di carta di riso e ai bordi ho fatto dei fiori
con fazzolettini di carta bianca che ho poi ritoccato con del colore acrilico.
Il video tutorial per fare i garofani con i fazzoletti di carta lo trovate nella sezione tutorial.

garofanogarofano


CARTONCINO ONDULATO
Il cartoncino ondulato si puo’ riciclare dalle confezioni di alcuni prodotti come scatole di biscotti, fette biscottate oppure dagli scatoloni.
Lo potete dipingere con colori acrilici oppure lasciarlo al naturale.
Altrimenti si puo’ acquistare in cartoleria o nei colorifici e lo trovate bianco o di diversi colori.
Si possono creare fiori, cornici per quadri, scatole, decorazioni varie, cuori.....
Eccone alcuni esempi:
mobile decoratocartoncinocartoncinocartoncinocartoncinocartoncinocartoncinocartoncinocuorecuore

 

Esistono vari tipi di uncinetto :

  • Uncinetto semplice
  • Uncinetto a forcella, in cui oltre all'uncinetto si una anche una forcella, spesso in acciaio dall'aspetto di una grossa forcina da capelli. Con questa tecnica si possono fare merletti, frange, passamanerie
  • Uncinetto a rete o filet;
  • Uncinetto friulano, un lavoro molto decorato a fiori e foglie in rilievo su una base a rete squadrata
  • Pizzo d'Irlanda, che presenta ricchissimi rilievi su una base a catenelle che disegnano morbide volute.
  • Uncinetto tunisino. Questo lungo uncino permette di raccogliere un gran numero di asole contemporaneamente, come su un ferro da calza, e di chiuderle poi una alla volta nel giro di ritorno. L'effetto finale del lavoro è molto simile a un grosso tessuto.

Punti base

Catenella

Punto Basso

Punto Alto

uncinetto

Il primo punto della catenella è costituito da un cappio annodato dentro cui si fa scorrere l'uncino per raccogliere il filo di lavorazione e farlo passare attraverso.
La catenella è l'inizio di ogni lavoro e può essere lunga a piacere

uncinetto



uncinetto



uncinetto

Eseguita la catenella di base direzionare l’uncinetto nella seconda catenella e lavorando un gettato si estrae una maglia.
Si prosegue gettando il filo.

Eseguire nuovamente il lavoro per ciascuna catenella fino ad arrivare alla fine della riga

uncinetto



uncinetto



uncinetto

Preperare 1 catenella di base e gettare il filo sull’uncinetto inserendolo nella maglia.

Fare un’altro gettato ed estrarre il filo attraverso le prime 2 maglie sull’uncinetto.

Proseguire lavorando una maglia alta in ogni catenella.

 

fettuccia

La fettuccia è una striscia sottile di tessuto, normalmente di larghezza dai 5mm a qualche cm.

Differisce da un nastro sia per l'utilizzo che per le caratteristiche tecniche.

Con la fettuccia si realizzano principalmente borse, tappeti, sciarpe, cinture.

In commercio le trovate in bobine di lycra, cotone, velluto, ciniglia, jersey, organza, tulle ecc.. tinta unita o fantasia.

Ma potete farvela anche da soli.

Ecco come:




COME CREARE  LA FETTUCCIA DA UNA VECCHIA T SHIRT

fettuccia Tagliare le maniche e la parte alta del collo.
fettuccia Tagliare la maglietta in sottili strisce di circa 1 o 2 cm. Gli ultimi 3cm della maglietta non vanno tagliati
fettuccia
Aprite la maglietta in modo da lavorare sulla parte centrale. 
fettuccia Tagliare in obliquo dalla seconda striscia sotto alla prima striscia sopra e così via fino alla fine delle strisce. In questo modo otterrete un filato unico senza nodi
fettuccia
Avvolgere il filato ottenuto  tirandolo  un po',  in modo tale da formare un filato tubolare.


Ed ecco cosa si può creare con la fettuccia : borse; se poi unite della lana alla fettuccia le potete usare d'inverno, pantofole, tappeti e cesti portatutto, paralumi, fiori ecc...

Borsaborsacestobagnocestobagnopantofolecestobagnocestobagnotappetocuorecestobagnocestobagno

lampadalampadarosellinetappetotappeto

 

 

gessettiI gessetti profumati per ambiente sono di facile e veramente poco costosa realizzazione.

Pensate che 1 kg di gesso ( io uso la scagliola fine che è più adatta per creare i gessetti) costa meno di un euro.
Con un kilo riesco a fare circa una trentina di gessetti di media grandezza.

Li potete lasciare bianchi oppure aggiungere nell’impasto del colore acrilico e delle goccie di essenza profumata.

La spiegazione dettagliata la trovere nei miei tutorial.

 

 

 

Come stampi io uso gli stessi che si usano per le saponette o per i dolci. Quelli in silicone sono comunque i migliori.
Bisogna cercare nelle occasioni e a volte si riescono a trovare senza spendere molto.



gessettigessettigessetti

gessettigessettigessetti

Il gesso ha tempi di asciugatura molto rapidi per cui appena mescolate il gesso con l’acqua ( normalmente è un bicchiere di acqua e due di gesso) mescolate veloci e versate in fretta negli stampi

Per le confezioni potete far volare la fantasia : barattoli di vetro ( quelli delle confetture vanno benissimo)Io ho utilizzato questi delle marmellate che mi piacevano per la forma rotonda e sul coperchio ho messo un gessetto a forma di rosa. Opure il vasetto della nutella o del miele.I coperchi sono pitturati con dell'acrilico.

gessettigessettigessettigessettigessettigessetti

Oppure potete metterli in vassoi fatti con la carta  ( clicca qui per vedere come farli ) e avvolgere il tutto con del romantico tulle colorato.
Le decorazioni come chiusura della confezioni sono fatte con la carta igienica. Nella sezione tutorial c’è la spiegazione

gessettigessettigessettigessettigessettigessetti

 

vetro

COME FARE LE LANTERNINE CON I VASETTI DI VETRO

Con pochi e semplici passaggi potete trasformare i barattoli di vetro in lanterne.
Vasetti della marmellata, vasetti del miele, nutella, sottaceti, omogeneizzati ecc..tenete quelli con le forme che più vi piacciono.
Per decorarli basta usare la fantasia e ciò che si ha in casa : passamaneria, corda, carta, tovaglioli di carta, fazzolettini per il naso, perline ecc..
In questi che ho postato in alcuni ho incollato con la colla vinilica, su metà vasetto, del cordoncino in altri ho utilizzato dei nastrini, perline o carta fatta me con fiori secchi e fondi di caffè.
Basta semplicemente incollarla esternamente senza paura ( la colla vinilica quando asciuga diventa trasparente)
L’ideale è usare la carta di riso o i fazzoletti di carta ( meno strati usate più trasparente rimarrà il vetro) perche è sottile quindi non oscura totalmente il vasetto e quando accenderete il lumino posto all’interno, l’effetto sarà bellissimo.
Per i manici si usa del fil di ferro oppure delle catenelle.
Le lanternine le potete appendere poi in giardino o appoggiare su un mobile in casa o come centrotavola per una seratina romantica.

lanternalanternalanternalanternalanternalanternelanternelanternalanternalanterna

 

 

fimoFino a poco tempo fa non conoscevo nemmeno l'esistenza delle paste sintetiche  poi in internet per caso ho trovato questa foto che mi ha incuriosito e dopo aver letto di tutto e di più, ho comprato immediatamente dei panetti di tutti i colori e ho cominciato a creare.
Quello che utilizzo maggiormente è il fimo
Il fimo è una pasta sintetica facilmente modellabile e che si indurisce in forno a una temperatura di 100  gradi  
Non secca all'aria ma può essere indurito cuocendolo in un comune forno.
Esistono panetti di vari colori
•    Fimo classic: diversi colori base, una pasta abbastanza dura, quindi permette di fare lavori precisi, esempio le murrine, braccialetti collanine portachiavi
•    Fimo soft: vari colori, una pasta più morbida, di facile lavorazione anche se è sostanzialmente soggettivo
•    Metallizzato: imitazione oro e argento;
•    Granito: effetto pietra, colore non uniforme;
•    Trasparente: non è un vetro colorato, ma la pasta lascia passare la luce, utile per la tecnica del Mokume Gane;
•    Fluorescente: per gioielli colorati che al buio si illuminano;
•    Perlescente: effetto strass nella pasta, per delle perline brillanti.
E’ venduto in panetti dai colorifici, brico, negozi di belle arti, internet e  costano circa 1,50/2 euro a panetto.
Questa pasta è in vendita già colorata quindi non è necessario l'utilizzo di colori dopo la cottura. Una volta indurito il fimo non può più essere modellato, comunque vi si possono applicare colori acrilici o vernici lucide fissative appositamente create per questo prodotto (i normali fissativi per colori acrilici non funzionano sul fimo, a volte fanno l'effetto colla ).

 

 

cuori

Una delle mie passioni è collezionare cuori.
In giro se ne trovano di tutti i tipi, misure e materiali.
In casa si possono mettere ovunque.
Io quest’anno ho realizzato questa parete sopra il divano di casa.
Alcuni cuori li ho comprati, alcuni me li hanno regalati e tanti li ho fatti.
I miei preferiti sono in stoffa e qui sotto vi spiego come farli.
Il procedimento è facile e chiunche può crearli senza bisogno di avere la macchina da cucire.Vi posto anche un cartamodello che potrete ingrandire a vostro piacimento cliccando crl + e poi, dopo averlo salvato sul vostro pc, lo potete stampare.
Oppure lo stampate e poi lo ingrandite fotocopiandolo.

 

 

cuoriCOME REALIZZARE CUORI IN STOFFA

Non è necessario avere la macchina da cucire.
Stampate il cartamodello, la parte tratteggiata corrisponde all’apertura dove inserirete l’imbottitura di ovatta.

Applicate il cartamodello su due pezzi di stoffa con degli spilli.

Ricalcate sulla stoffa la sagoma del cuore con del gessetto ( oppure una matita)
Ritagliate due sagome di stoffa per ogni cuore avendo cura di lasciare lo spazio per la cucitura.

Una volta cucite le due sagome, rivoltatele facendo passare la stoffa attraverso il foro.

Imbottite spingendo bene l’ovatta negli angoli aiutandovi con uno stuzzicadenti lungo oppure una matita.

Ora non resta che chiudere l’apertura con un punto nascosto (se non lo sapete fare chiudete con due gocce di colla a caldo)

 

 

cuoricuoricuoricuoricuoricuoricuoricuorecuoricuoricuoricuoricuorecuorecuori

 

cuore

Queste sono calamite per il frigorifero.
Mi sono divertita un sacco a realizzarle ma un po' meno a trovare le calamite da mettere dietro. Dal ferramenta costavano troppo, nei negozi di materiale d'ufficio erano attaccate a dei tondi di plastica ed è stato impossibile staccarle. Alla fine le ho trovate da Ikea (costo un terzo che dalle altri parti) il motivo è semplicissimo, se ti cadono a terra la plastica si stacca subito dalla calamita!
giusto quello che cercavo!

 

Leggi tutto...

saponetteCOME REALIZZARE SAPONETTE PROFUMATE

Il sapone fai da te si può realizzare con la soda caustica oppure con la glicerina.
Io personalmente preferisco la glicerina.
Questa è la procedura per realizzare saponette profumate decorative oppure per l’igiene (dipende da quello che utilizzerete):

1. Occorre comprare nei negozi di hobbistica o nei colorifici la glicerina pura: in commercio la trovate di colore bianco o trasparente.
Entrambre hanno le stesse proprietà ( se volete la saponetta colorata, la glicerina trasparante avrà un colore velato mentre la bianca no)
Se volete inserire nella saponetta cose come : fiori secchi, del glitter, chiodi di garofano, frammenti di bucce di limone, pout pourri, scaglie di sapone, lavanda, spezie ( Per un EFFETTO SCRUB mettete semi di finocchio, semi di papavero) ecc… la glicerina trasparente sarà ideale per far vedere in trasparenza quanto inserito.

2. Rompete alcuni pezzi di glicerina e metteteli in un pentolino immerso in una pentola per far sciogliere la glicerina a bagno maria, non fatela bollire.
Mescolate con un cucchiaio di legno, una volta sciolta la glicerina inserite qualche goccia di essenza profumata, se volete colorare la vostra saponetta potete aggiungere qualche goccia di colorante alimentare. Mescolate per amalgamare il tutto

3. Versate il composto negli stampi ( meglio quelli al silicone, sarà più facile estrarre la saponetta una volta pronta)
Se volete inserire pout pourri, fiori secchi, glitter o altro, dovrete metterli nello stampo prima di versare la glicerina sciolta.

4. Il sapone è pronto quando si stacca facilmente dagli stampi.

saponetta saponettesaponettesaponettesaponettesaponette

saponettesaponettesaponettesaponettesaponette

saponettesaponettesaponettesaponette

Guarda il tutorial

scatolaQuesta scatola l'ho realizzata utilizzando silicone bianco per la panna montata e i dolci li ho fatti con il fimo.

Si possono utilizzare degli stampini che si comprano nei negozi di hobbistica, oppure semplicemnete imitando gli originali.

Poi l'ho ritoccata facendo delle piccole palline rosse con brillantini che sembrano gocce di marmellata con un pennarello di quelli che servono per fare le decorazioni natalizie.

 

 

 

Questa sotto è la mia nipotina Marta, figlia di mia sorella Roberta.

La scatola l'ho regalata a lei per metterci le collane che le ho fatto.Ho aggiunto una M per personalizzare la scatola.

scatola scatola

collana

 

Queste sono alcune tra le mie prime collane in fimo.
Questa l'ho fatta per la mia nipotina Lorenza, soprannominata Lolla ( come si legge sulla collana) figlia di mia sorella Alessandra.
E' di cotone rosa con ciondoli dolci di fimo. Si chiude annodandola tra due fette di torta.Tra una perlina di fimo e l'altra si possono anche aggiungere delle perline, schiaccini, o quanto la fantasia vi aiuta a creare, in questa ho aggiunto per esempio delle perline bianche che avevo in casa

Queste sono altre collane realizzate con cotone lavorato a uncinetto e ciondoli dolci fatti in fimo.
E’ bastato cuocerli inforno a 100 gradi per 10 minuti in quanto piccoli.
Fate attenzione che il colore tende a scurire un pochino quando lo cuocete.
fimo fimo fimo

fimo
Per il compimento dei miei 52 anni mi sono fatta una collana che ho indossato il giorno della festa. Il ciondolo è grande 10 cm circa e rappresenta una torta.
La collana è di perle trasparenti bianche e pietre dure.
Per la lucidatura ho utilizzato un lucido apposta per le paste sintetiche in quanto ho provato ad utilizzare una vernice fissativa lucida che normalmente uso per il decoupage ma rende le creazioni appiccicose.
Normalmente bastano due mani dipende da quanto lucido volete sia la vostra creazione.

 

 

fimofimo

Quando l'allievo supera il maestro.... !!!! questo è il ciondolo che ha fatto la mia nipotina Marta

gufetto

 

Leggi tutto...

decoupageLa tecnica del découpage è quella di ritagliare illustrazioni o strisce di carta senza alcuna finitura e usarle come decorazione. Il découpage è una tecnica ormai accessibile a tutti.

Inizialmente il découpage si applicava sui mobili: oggi è impiegato per la decorazione di svariati oggetti, di diversi materiali, come legno, tessuto, vetro e metallo.

Le tecniche più diffuse sono: pittorico, craquelé, trompe l'oeil, stencil, découpage base con carta, découpage con pennelli o pastelli, découpage con e su tessuto, su tutti i tipi di superficie quali legno, marmo, vetro, plastica, fiori pressati, cere, metallo, 3D, mosaico, e poi si hanno anche le imitazioni di materiali quali marmo e legno.

E’ molto diffusa anche la decorazione delle tele e delle tegole.

Prodotti necessari per il decoupage

  • Colle,
  • Carta, che può avere diversi tipi di spessore, può essere un disegno a mano, fotocopia o un ritaglio di giornale. Inoltre può anche essere carta normale, carta di riso, carta voile, tovagliolo di carta, che semplifica l'operazione di incollaggio: rimossi gli strati bianchi inferiori, è sufficiente appoggiarlo sulla superficie da decorare e spennellarlo con la colla, che viene assorbita dalle fibre del tovagliolo.
  • Pennelli, usati per rifiniture, ma anche per la semplice stesura di colori e collanti o vernici: a coda di balena, a goccia, pennello per rifinitura, per ritocchi, a fontana, a ventaglio,
  • foglia oro, argento e bronzo;
  • medium per le screpolature, anche dette craquelé, che possono essere a mono-componente o bi-componente,
  • colori acrilici.

Una volta ritagliate le decorazioni prescelte e stabilita la composizione finale, si incollano sull'oggetto prescelto con colla vinilica. Successive verniciature e carteggiature renderanno la superficie uniforme. Come finiture si possono usare vernici lucide, opache o satinate o il craquelé, composto di due vernici che, sovrapposte, creano screpolature più o meno ampie, da evidenziare con bitume o polvere d'oro.

vasovaso decoupage vaso decoupagespecchio vaso decoupage vaso decoupage vaso decoupage vaso decoupagevaso decoupage decoupage decoupagedecoupage